CCIAA Gran Sasso d'italia | contributi alle imprese per favorire l’accessibilita’ nei locali aziendali

ENTE:

Camera di Commercio Gran Sasso d’Italia

PRESENTAZIONE DOMANDA:

Apertura: 30.1.2024
Chiusura: 31.5.2024

Categoria:

imprese, accessibilità

finalità

La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura del Gran Sasso d’Italia, assegna contributi a fondo perduto alle micro, piccole e medie imprese (M.P.M.I) finalizzati a sostenere i costi per il superamento e l’abbattimento delle barriere architettoniche nei locali con accesso del pubblico e/o sui mezzi di trasporto pubblico, favorendo l’accesso di persone con disabilità a locali diversamente non accessibili.

L’incentivo, a fondo perduto, si prefigge di consentire alle imprese con locali aperti al pubblico di acquisire i requisiti di “accessibilità , “visitabilità” e “adattabilità” previsti dalla normativa di riferimento (Legge n. 13 del 1989 e D.M. 14 giugno 1989 n. 236). Il contributo camerale si configura come un’integrazione agli incentivi già esistenti per coprire le spese sostenute dalle imprese per l’abbattimento delle barriere nei locali con accesso al pubblico e/o sui mezzi di trasporto pubblico.

BENEFICIARI DELL'INTERVENTO

Possono partecipare al presente bando le micro, piccole e medie imprese (PMI), anche in forma cooperativa, con sede legale e/o unità operativa nelle province di L’Aquila e Teramo.

cosa si puo' fare

Le spese ammissibili sono:

  • spese di progettazione tecnica, direzione lavori e collaudo delle opere per superare e/o rimuovere le barriere architettoniche, ivi inclusi gli eventuali oneri e imposte da corrispondere al Comune in cui vengono realizzate le opere;
  • spese per le opere edili necessarie per superare e/o rimuovere le barriere architettoniche, ivi inclusi i costi dei materiali utilizzati (ad esempio: sostituzione di gradini con rampe);
  • spese per l’installazione/sostituzione di impianti per superare e/o rimuovere le barriere architettoniche (ad esempio: realizzazione di un elevatore esterno al locale dell’impresa aperta al pubblico);
  • spese relative all’acquisto di tecnologie assistive digitali per la disabilità, quali: software di lettura dello schermo; schermi Braille e dispositivi di puntamento oculare; software di sintesi vocale; ausili per la mobilità; tastiere e mouse ergonomici.

Gli interventi possono riguardare:

– Unità ambientali e loro componenti: porte, pavimenti, infissi esterni, arredi fissi, terminali degli impianti, servizi igienici, cucine, balconi e terrazze, percorsi orizzontali, scale, rampe, ascensore, servoscala e piattaforma elevatrice, segnaletica

– Tecnologie Assistive Digitali per la Disabilità.

Nello specifico, sono ammesse a contributo le seguenti spese, al netto dell’IVA, integralmente fatturate e pagate dalla data del 15 dicembre 2023 (non sono ammesse le autofatture):

  1. spese di progettazione tecnica, direzione lavori e collaudo delle opere per superare e/orimuovere le barriere architettoniche, ivi inclusi gli eventuali oneri e imposte da corrispondere alComune in cui vengono realizzate le opere. Tali spese verranno riconosciute esclusivamente nelcaso di effettiva realizzazione delle opere di adeguamento dei locali;
  1. spese per le opere edili necessarie per superare e/o rimuovere le barriere architettoniche, iviinclusi i costi dei materiali utilizzati (ad esempio: sostituzione di gradini con rampe);
  1. spese per l’installazione/sostituzione di impianti per superare e/o rimuovere le barrierearchitettoniche (ad esempio: realizzazione di un elevatore esterno al locale dell’impresa aperta alpubblico);
  1. spese relative all’acquisto di tecnologie assistive digitali per la disabilità.
entita' del contributo

Le risorse finanziarie disponibili per l’iniziativa ammontano a € 100.000. I contributi sono assegnati a fondo perduto nella misura del 50% delle spese ammissibili. Ogni impresa può ottenere contributi a valere sul presente regolamento nel limite massimo complessivo di € 1.500.

In caso di spese su più sedi, l’impresa deve presentare un’unica domanda che comprenda tutte le spese inerenti alla sede legale e le unità locali ubicate nelle province di L’Aquila e Teramo

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

La domanda di contributo deve essere presentata esclusivamente in via telematica alla PEC cciaa@cameragransasso.legalmail.it a partire dalle ore 10.00 del 30 gennaio 2024 e sino alle ore 24.00 del 31 maggio 2024.

ulteriori informazioni

Bando e allegati sono disponibili a questo link.

Ulteriori informazioni:
Ufficio Promozione 
Sede di L’Aquila – Tel. 0862/667247
email: promozione@gransasso.camcom.it

Ultimo aggiornamento: 20 Dicembre 2023